Itinerario: Sacerdoti dal battesimo

Itinerario per gli adolescentiIntercettare le domande dei nostri ragazzi significa di fatto entrare in sintonia con il loro cuore, con le loro emozioni, con i loro sorrisi e le loro lacrime, la loro esuberanza e la loro timidezza e dunque toccare con mano la loro umanità, percepire il grido vero, autentico che ciascuno di loro ha nel cuore: «ho voglia di vivere e di vivere alla grande!».
Si apre per noi l’onore impagabile di accompagnarli, di stare accanto, di prenderli per mano e sentire il fascino e la sfida di formare l’uomo, di dare sostanza all’umanità, perché questa non rimanga anonima, superficiale, senza risposta, senza identità.
I ragazzi ci chiedono: aiutateci a diventare uomini! Cosa vuol dire, in fondo, formare l’uomo? Significa fare in modo che l’umanità di ognuno dei nostri ragazzi possa esprimersi, senza tentennamenti, senza forse, senza ritardi. E’ una missione che non ammette deleghe; ci sentiamo coinvolti come comunità cristiana in prima persona: la Chiesa avverte l’urgente sollecitudine di sostenere l’esercizio dell’umanità dei nostri ragazzi. Ci accorgiamo così che siamo in fondo chiamati a rendere visibile il munus sacerdotale che ogni ragazzo ha ricevuto fin dal Battesimo. Essere sacerdoti vuol dire dare pienezza alla propria umanità e ripresentare il Volto festoso di Cristo Sacerdote.
Vivere il sacerdozio battesimale vuol dire, in effetti, vivere in pienezza, alla grande; vuol dire dare sostanza alla propria identità, vuol dire non sciupare la vita ma sapersi mettere in gioco sapendo chi si è e cosa si è chiamati ad essere.

Il Servizio Diocesano presenta la terza raccolta di schede (dopo quelle sulla regalità e sulla profezia) per organizzare degli incontri feriali per i nostri gruppi e accompagnare i ragazzi a prendere consapevolezza, a loro misura, del Battesimo. L’itinerario è diviso in tre parti dove nella prima si offre una indispensabile base fondativa che tenta di chiarire cosa vuol dire essere sacerdote per un ragazzo e le altre due parti entrano in due ambiti essenziali (la famiglia e gli affetti) come luoghi indispensabili dove esercitare nel concreto il proprio munus sacerdotale. Ogni parte si compone di un modulo biblico, esperienziale, multimediale, culturale-artistico-magisteriale, missionario e liturgico-celebrativo, offrendo del materiale che va poi organizzato nella fase di programmazione e che cerca di essere più che una risorsa già pronta, una provocazione per cercare la via migliore per il proprio gruppo di ragazzi e che, richiede lucida rielaborazione dal gruppo educatori.

«Vogliono essere protagonisti: diamo loro spazio perché siano protagonisti, orientandoli – ovviamente – e dando loro gli strumenti per sviluppare tutta questa crescita. Per questo ritengo che l’integrazione armonica dei diversi saperi – della mente, del cuore e delle mani – li aiuterà a costruire la loro personalità. Spesso pensiamo che l’educazione sia impartire conoscenze e lungo il cammino lasciamo degli analfabeti emotivi e ragazzi con tanti progetti incompiuti perché non hanno trovato chi insegnasse loro a “fare”. Abbiamo concentrato l’educazione nel cervello trascurando il cuore e le mani» (Papa Francesco al Convegno della Diocesi di Roma, 19 Giugno 2017).
Le parole del nostro Vescovo mi sembrano la via da percorrere perché i nostri ragazzi esercitino con entusiasmo pieno il sacerdozio ricevuto fin dal Battesimo, per essere uomini, sacerdoti con la mente, con il cuore, con le mani.

Don Antonio Magnotta
Direttore del Servizio Diocesano per la Pastorale Giovanile

 

PDFIl sussidio è disponibile gratuitamente in formato PDF soltanto agli utenti iscritti al sito. Se desideri consultarlo e scaricarlo in digitale, accedi all'area riservata con le tue credenziali oppure registrati se ancora non sei iscritto.

SussidioLe schede cartacee dell'itinerario per gli adolescenti, invece, si possono richiedere rivolgendosi al Servizio Diocesano oppure contattando don Antonio. Il sussidio per gli adolescenti è acquistabile anche presso il negozio "Sinite Parvulos" del Vicariato di Roma e presso il "Centro Vocazionale Ap", la libreria all'interno dell'università Antonianum (in Via Merulana 124/a).